Calprotectina fecale



 

La Calprotectina Fecale viene impiegata come marcatore dell'infiammazione dei neutrofili nel lume intestinale e di conseguenza come marcatore indiretto dell'infiammazione intestinale. La sua concentrazione si correla molto bene con il livello di attivita' della malattia infiammatoria cronica intestinale. Recenti studi indicano che elevate concentrazioni di calprotectina si riscontrano soprattutto nella rettocolite ulcerosa e nel Morbo di Crohn.
Il test per la ricerca della calprotectina risulta utile per lo screening e il monitoraggio della Malattia Infiammatoria Cronica Intestinale ( MICI) e del cancro del colon retto, oltre che nella valutazione del grado di flogosi della mucosa intestinale nella sindrome del Colon irritabile.
Un aumento dei valori puo' essere osservato in tutte le patologie che implicano l'attivazione di un processo infiammatorio acuto o cronico dell'apparato gastroenterico quali enterocoliti infettive o tossiche, patologie peptiche ed esofagiti.

Valori normali:

Assente



retto colite colon

La Calprotectina viene eseguita su campione di feci.
Dato che la Calprotectina e' stabile nelle feci (3-4 gg a temperatura ambiente), il trasporto e la conservazione del campione non richiedono particolari accorgimenti.




malattia cronica intestinale


Esami collegati:

CEA, CA19-9, TPA, Ca15-3, Ca125, Alfafetoproteina, Ca50, Ca72-4, Ferritina, Calcitonina, Tireoglobulina, Psa, Sangue occulto nelle feci, Gastropanel, Esame delle feci, Coprocultura, Breath-test al lattosio (Intolleranza al lattosio)

Pagine utili:

Checkup, Esami radiologici, Gastroenterologia, Aerofagia, Reflusso gastroesofageo, Stipsi (Stitichezza), Bruciore di stomaco, Escherichia Coli, Pancia, Ernia, Appendicite, Lingua bianca, Vomito, Intestino

 




 


 

Malattie e Sintomi

Esami strumentali (Radiologia generale, RMN, TAC, Ecografie, Mammografie, MOC)

 


 

Questo sito รจ sponsorizzato dal Grupporedi.it.

Ricerca personalizzata