Crioagglutinine



 

Le Crioagglutinine sono anticorpi presenti nel siero di alcuni individui e diretti contro i globuli rossi, di cui determinano l'aggregazione o l'agglutinazione a bassa temperatura. Le crioagglutinine compaiono, in modo transitorio o persistente, nel corso di diverse infezioni virali (mononucleosi infettiva, varicella, parotite epidemica ecc.), nelle infezioni da micoplasmi, nella sifilide congenita tardiva, nei tumori del sistema linfatico.

I soggetti con positività alle crioagglutinine possono subire crisi emolitiche acute in seguito a una prolungata esposizione al freddo di mani, piedi, naso e orecchie. Possono comparire anche in corso di anemie emolitiche autoimmuni, linfomi, leucemie, macroglobulinemia di Waldenstrom.



proteina c reattiva



Puo' esserci una falsa positivita' nella rosolia, epatite, linfoma ed altre virosi. E' consigliabile eseguire il prelievo a digiuno da 8 ore. Evitare il prelievo subito dopo una eventuale vaccinazione per altri virus (vaccino per l'influenza in particolare)




analisi valori normali

 


Esami collegati:

Emocromo, Mucoproteine, Quantiferon TB Gold, Proteina C Reattiva (PCR), Monotest, Waaler Rose, ANA, Reumatest, NDM-1 Superbatterio, H1N1 Influenza A, Tampone Influenza A

 

Pagine utili:

Checkup, Febbre 2017-2012, Pediatria (Malattie dei bambini), Influenza

 




 


 

Malattie e Sintomi

Esami strumentali (Radiologia generale, RMN, TAC, Ecografie, Mammografie, MOC)

 


 

Questo sito è sponsorizzato dal Grupporedi.it.

Ricerca personalizzata