Fenitoina

 

 

La Fenitoina viene utilizzata per le sua attivita' anticonvulsivante ed e' quindi utile nella terapia delle forme parziali di epilessia, specialmente quelle con sintomatologia complessa e nelle convulsioni generalizzate tonico-cloniche, come pure nelle forme miste. La Fenitoina ha una farmacocinetica dipendente dalla dose. La concentrazione del farmaco nel plasma aumenta in modo non proporzionale all'aumento della dose ed il tempo necessario per raggiungere una concentrazione costante puo' essere molto variabile.
A seconda della capacita' di metabolizzazione del paziente, il tempo necessario per raggiungere un livello costante puo' variare dagli 8 ai 50 giorni di somministrazione orale. In caso di sovradosaggio si possono verificare effetti tossici del sistema nervoso centrale quali nistagmo, vertigini, visione sdoppiata, atassia.

 



effetti collaterali


I livelli del farmaco possono variare in caso di epatite acuta, mononucleosi e malattie epatiche croniche. L'insufficienza renale puo' incrementare la concentrazione di fenitoina libera. Le concentrazioni di fenitoina diminuiscono durante trattamento con fenobarbitale.



sintomi convulsioni epilessia


Esami collegati:


Emocromo, Azotemia, Creatininemia, Esame delle urine, Fenobarbitale

Pagine utili:

Ecografie, Poliambulatori Specialistici, Radiologia, Omeopatia, Medicina Alternativa, Medicina Chiropratica, Medicina Naturopatica, Medicina Ayurvedica, Pressione del sangue, Malattia di Alzheimer, Morbo di Parkinson, Epilessia

 




 


 

Malattie e Sintomi

Esami strumentali (Radiologia generale, RMN, TAC, Ecografie, Mammografie, MOC)

 


 

Questo sito รจ sponsorizzato dal Grupporedi.it.