RediLab.it
Esami di laboratorio: A B C D E F G H I L M N O P R S T U V - Malattie e Sintomi

Aggiungi ai preferiti!

Versione iPhone



Istologia e citologia diagnostica






   

 

 

Esami collegati:

Pap-test, Carcinoma, Cancro, Tac: Tomografia computerizzata

Emocromo, Sideremia, Ferritina

17-beta-Estradiolo, Estriolo, Alfafetoproteina

Bitest, Tritest, Ecografie, Cariotipo su sangue

Candida, Chlamydia, Papilloma Virus

Cytomegalovirus, Rosolia, Toxoplasmosi

Gardnerella, Hb-fetale, Herpes Virus, Insulina

MTHFR, Lac, Proteina C e S

Infertilita', Calcola la data del parto

Il decreto legislativo sulle esenzioni dal ticket in gravidanza, Convenzioni ed assicurazioni, Esenzioni in gravidanza

 



  Salute Donna
   Gravidanza
   Menopausa
   Infertilità
   Medicina estetica
   Data del parto
   Ecografie

  Salute Uomo
   Grassi
   Salute maschile
   Infertilità
   Epatiti
   Vaccinazioni
   Ecografie

  Servizi
   HACCP
   Settore acque
   Medicina lavoro
   Settore chimico
   Ricerca medici

 


 

istologia esami laboratorio

 

Tipologia delle prestazioni:


Esami Istologici:

Esami Citologici:

Determinazioni Immuno-Isto-Citochimiche

Modalita' di invio dei prelievi istologici e citologici



Esami Istologici:

- Materiale operatorio come da asportazione di organo e di neoformazioni dei tessuti molli o dell'osso

- Biopsie endoscopiche dell'apparato gastroenterico, respiratorio ed urinario

- Materiale come da TURB e TURP

- Biopsie del cavo orale e di neoformazioni odontogene e delle cavità nasali

- Biopsie cutanee escissionali, incisionali e "shave biopsy"

- Biopsie dell'apparato genitale

- Materiale come da revisione della cavità uterina

- Agobiopsie prostatiche, epatiche, linfonodali e di tumefazioni superficiali e profonde

- Biopsie osteomidollari

- Prelievi autoptici

- Revisione di preparati istologici


Esami Citologici:

- Cervico-vaginale (Pap-test)

- Endometriale

- Urine

- Espettorato

- Agoaspirati di neoformazioni d'organo o dei tessuti molli (TAC o eco-guidati)

- Scraping cutanei o delle mucose

- Secrezioni mammarie

- Versamenti pleurici e peritoneali

- Versamenti delle cavità articolari

- Liquido cefalo-rachidiano

- Revisione di preparati citologici


Determinazioni Immuno-Isto-Citochimiche

Recettore per Estrogeno

Recettore per Progesterone

Antigene di proliferazione Ki-67

Citocheratine

Antigene Leucocitario Comune (CD45)

p53


Modalita' di invio dei prelievi istologici e citologici

SCHEDE DI ACCOMPAGNAMENTO DEI PRELIEVI

Si prega di utilizzare preferibilmente le schede di richiesta messe a disposizione dal nostro laboratorio. In alternativa inoltrare la richiesta di esame istologico o citologico su carta intestata del medico richiedente.

Sono notizie fondamentali e condizionanti la precisione della diagnosi:

- nome e cognome del paziente

- data di nascita

- sede del prelievo

- dati anamnestici (eventuali terapie praticate, precedenti diagnosi, ecc.)

- reperti radiologici ed ematochimici


BIOPSIE ENDOSCOPICHE E NON, AGOBIOPSIE

- Vanno immediatamente poste in fissativo, possibilmente in una soluzione di formalina al 10%, eventualmente in alcool 70 gradi denaturato, in proporzione 1 a 10 tra il volume del tessuto bioptico e quello del liquido fissativo.

- Si sconsiglia vivamente di porre il materiale bioptico in soluzione fisiologica.

BIOPSIE OSTEOMIDOLLARI, LINFONODALI E MATERIALE OPERATORIO

- Vanno posti in soluzione di formalina al 10% in proporzione 1 a 10 tra il volume del materiale bioptico od operatorio e il volume del liquido fissativo, e consegnati in laboratorio quanto prima.

STRISCI CITOLOGICI DI AGOASPIRATI E PAP-TEST

- Possono essere fissati con il citofix spray o meglio se immediatamente immersi in alcool 95.

MATERIALE DA ESPETTORATI, BRONCOASPIRATI E BRONCOLAVAGGI

- Va fissato in alcool-formolo-acetico.

VERSAMENTI DI CAVITA' SIEROSE, LIQUIDI DI CAVITA' CISTICHE ED URINE PER CITOLOGIA DEL SEDIMENTO

- Vanno consegnati quanto prima in laboratorio.

MODALITA' DI RACCOLTA ED INVIO DEL CAMPIONE DI ESPETTORATO

Dopo aver sciacquato la bocca per ridurre i residui di cibo e la contaminazione batterica, si deve raccogliere l'espettorato del primo mattino in un contenitore sterile e portarlo al più presto in laboratorio dove sarà fissato con una miscela di alcool-formolo-acetico prima di essere processato. Questa operazione deve essere ripetuta, per una maggiore attendibilità dell'esame, per 3-5 giorni consecutivi. E' importante che l'espettorazione sia "profonda" : si ritiene adeguatamente valutabile un espettorato in cui siano presenti i macrofagi alveolari.
I pazienti con difficoltà nell'espettorazione possono respirare profondamente su un contenitore di acqua calda o su un umidificatore, prima di espettorare. E' necessario, inoltre, far pervenire al laboratorio con l'ultimo campione da analizzare anche la scheda di richiesta del nostro laboratorio opportunamente compilata dal medico curante o richiedente l'esame.

ESAME CITOLOGICO DELLE URINE

L'esame citologico delle urine ha come principale indicazione la ricerca di cellule neoplastiche derivanti da tumori della vescica, delle vie escretrici urinarie e dei reni. Poichè neoplasie uroteliali a basso grado e patologie non neoplastiche delle vie urinarie (come traumatismi secondari a cateterismo, a cistoscopia ed alla presenza di calcoli) possono presentare aspetti citologici sovrapponibili, è indispensabile per una corretta interpretazione citologica, che la lettura sia corredata da dettagliate notizie cliniche da riportare nella specifica scheda consegnata dal laboratorio.

MODALITA' DI RACCOLTA DEL CAMPIONE DI URINE

Scartare la prima minzione del mattino, bere un bicchiere di acqua, possibilmente passeggiare onde facilitare il distacco di un maggior numero di cellule, e dopo due ore raccogliere direttamente le urine nel contenitore sterile.

MODALITA' DI INVIO DEI CAMPIONI DI URINE

Ogni esame deve essere accompagnato dalla richiesta medica opportunamente compilata in tutte le sue parti. E' preferibile, per un'adeguata valutazione oncocitologica, raccogliere separatamente tre campioni in tre giorni consecutivi, numerando il contenitore (I, II, III) ed etichettandolo con nome, cognome e relativa data di nascita del paziente.

ATTENZIONE! : il campione deve pervenire in laboratorio entro 2 ore dalla raccolta e non più tardi delle ore 10.00. In caso contrario, è necessaria una prefissazione delle urine con pari quantità di alcool etilico al 50%.

INDICAZIONI UTILI ALLE PAZIENTI CHE DEVONO ESEGUIRE IL PRELIEVO PER CITOLOGIA DEL SECRETO MAMMARIO

Si raccomanda di:

- Non spremere i capezzoli i giorni precedenti l'esame

- Portare con sè all'appuntamento per il prelievo o far pervenire unitamente allo striscio del secreto mammario la richiesta di esame, opportunamente compilata dal medico curante, ed il risultato di eventuali precedenti esami mammari (mammografia, dutto-galattografia, eco-mammografia, esami citologici e/o istologici).

Recettore per estrogeno:

E' un fattore di crescita. La sua espressione (positività) su neoplasie maligne, particolarmente nei carcinomi mammari, rappresenta un elemento prognostico favorevole perchè dà indicazione per la terapia ormonale e si associa con un miglioramento della DFS e della OS.

Recettore per il progesterone:

E' un fattore di crescita la cui espressione associata a quella del recettore per l'estrogeno ne rafforza il significato prognostico nella donne in premenopausa.

Antigene di proliferazione Ki-67:

Riconosce un antigene nucleare espresso solo nelle cellule in proliferazione.

Citocheratine:

Le citocheratine, come filamenti intermedi, fanno parte del citoscheletro delle cellule epiteliali. Perciò l'anticorpo anti-citocheratine è utilizzato nella diagnosi differenziale di neoplasie scarsamente differenziate: la positività citoplasmatica indica la natura epiteliale delle cellule marcate.

Antigene Leucocitario Comune (CD45):

E' espresso soprattutto sulla superficie delle cellule linfoidi. Viene utilizzato nella diagnosi differenziale di neoplasie scarsamente differenziate.

p53:

E' la proteina di un proto-oncogene (gene soppressore) espresso in tutte le cellule nella fase G1 tardiva. L'aumento della p53 nei tumori maligni è riportato in letteratura come un fattore prognostico negativo (si associa all'aumento di metastasi e ad una diminuzione della sopravvivenza). Inoltre, nei carcinomi mammari è inversamente associato all'espressione del numero dei recettori ormonali.



citologia pap test


Esami collegati:


Emocromo, Azotemia, Creatininemia,Alfafetoproteina , Albumina, Acidi Biliari, 17-beta-Estradiolo, Bitest, Candida, Cariotipo su sangue, Chlamydia, Cytomegalovirus, Estriolo, Ferritina, Gardnerella, Hb-fetale, Herpes Virus, Insulina, MTHFR, Lac, Proteina C e S, Rosolia, Sideremia, Test di Coombs, TPHA, Toxoplasmosi, Tritest, PlGF (Low plasma placental growth factor)

 

Pagine utili:

Infertilita', Calcola la data del parto, Gravidanza, Citogenetica, Esenzioni in gravidanza, Checkup, Il decreto legislativo sulle esenzioni dal ticket in gravidanza, Anemia mediterranea, Carcinoma, Cancro, Tac: Tomografia computerizzata

 


 



 

 

Ricerca nel sito www.redilab.it:


Ricerca nel Web :



www.redilab.it

Esami di laboratorio

La nostra pagina su Facebook

Per rimanere sempre aggiornato con le notizie di RediLab puoi iscriverti alla Newsletter e se vuoi puoi scaricare gratuitamente il libro "Esami di laboratorio" in formato pdf. Nella tua casella di posta elettronica, le ultime news pubblicate sulle ultime novità in tema sanitario e i nuovi esami eseguibili. Se hai un iPad scarica gratuitamente l'iBook degli esami di laboratorio.


 

2011-2012 Copyright: www.redilab.it - Istologia e citologia diagnostica